Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2018

Decreto di nomina composizione Osservatorio Nazionale della Ricostruzione post – sisma.

 INDICE
Art. 1 – Composizione dell’Osservatorio Nazionale della ricostruzione post – sisma
Art. 2 – Entrata in vigore ed efficacia

Presidenza del Consiglio dei Ministri
IL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI INTERESSATI DAL SISMA DEL 24 AGOSTO 2016
Decreto n. 9 del 28 giugno 2017

Il Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione nei territori dei Comuni delle Regioni di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria interessati dall’evento sismico del 24 agosto 2016, Vasco Errani, nominato con decreto del Presidente della Repubblica 9 settembre 2016, ai sensi dell’articolo 11 della legge 23 agosto 1988, n. 400,
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri del 25 agosto 2016, recante “Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi sismici che il giorno 24 agosto 2016 hanno colpito il territorio delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria”;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica del 9 settembre 2016 con cui il sig. Vasco Errani è stato nominato Commissario Straordinario del Governo, ai sensi dell’articolo 11 della legge 23 agosto 1988, n. 400 e successive modificazioni, ai fini della ricostruzione nei territori dei Comuni delle Regioni di Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria interessati dall’evento sismico del 24 agosto 2016;
Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 27 ottobre 2016, recante l’estensione degli effetti della dichiarazione dello stato di emergenza adottata con la delibera del 25 agosto 2016 in conseguenza degli ulteriori eccezionali eventi sismici che il giorno 26 ottobre 2016 hanno colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo”;
Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 31 ottobre 2016, recante l’ulteriore estensione degli effetti della dichiarazione dello stato di emergenza adottata con la delibera del 25 agosto 2016 in conseguenza degli ulteriori eccezionali eventi sismici che il giorno 30 ottobre 2016 hanno nuovamente colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo”;
Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 20 gennaio 2017, con la quale sono stati ulteriormente estesi, in conseguenza degli ulteriori eventi sismici che hanno colpito nuovamente i territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria in data 18 gennaio 2017, nonché degli eccezionali fenomeni meteorologici che hanno interessato i territori delle medesime Regioni a partire dalla seconda decade dello stesso mese, gli effetti dello stato di emergenza dichiarato con la predetta delibera del 25 agosto 2016;
Visto l’articolo 2, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 9 settembre 2016, il quale stabilisce che alla struttura posta alle dipendenze del Commissario straordinario sono assegnati esperti, compreso un Consigliere giuridico;
Visto il decreto legge 17 ottobre 2016, n. 189, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 244 del 18 ottobre 2016, convertito con modificazioni dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 294 del 17 dicembre 2016, modificato e integrato dal decreto legge 9 febbraio 2017, n. 8, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 33 del 9 febbraio 2017, convertito con modificazioni dalla legge 7 aprile 2017, n. 45, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 84 del 10 aprile 2017;
Visto, in particolare, l’articolo 2, comma 2, del decreto legge n. 189 del 2016, il quale stabilisce che per l’esercizio delle funzioni di propria competenza il Commissario straordinario provvede anche a mezzo di ordinanze, nel rispetto della Costituzione, dei principi generali dell’ordinamento giuridico e delle norme dell’ordinamento europeo;
Visto l’art. 34 del medesimo decreto legge come integrato e modificato dal decreto legge n. 8 del 2017 che, al fine di assicurare la massima trasparenza nel conferimento degli incarichi di progettazione e direzione dei lavori, prevede l’istituzione di un elenco speciale dei professionisti abilitati e che il Commissario Straordinario anche attraverso i provvedimenti adottati ai sensi e per gli effetti dell’articolo 2, comma 2 del decreto n. 189 del 2016 individua criteri generali ed i requisiti minimi per l’iscrizione nell’elenco speciale e criteri finalizzati ad evitare la concentrazione degli incarichi ;
Vista l’ordinanza commissariale n. 10 del 19 dicembre 2016 che richiede per la compilazione delle schede Aedes professionisti iscritti all’Elenco speciale e che all’articolo 2, comma 5, prevede l’istituzione di un Osservatorio Nazionale della ricostruzione post-sisma che proponga al Commissario le sanzioni da applicare nel caso in cui il professionista presenti un numero di schede AeDES incongrue superiori a tre;
Vista l’ordinanza commissariale n. 12 del 9 gennaio 2017, che contiene: a) criteri generali ed i requisiti minimi per l’iscrizione nell’elenco speciale per la quantificazione dei professionisti ai fini dell’iscrizione all’Elenco Speciale; b) la disciplina analitica e di dettaglio del contributo previsto dall’articolo 34, comma 5, del medesimo decreto legge; c) i criteri finalizzati ad evitare concentrazioni di incarichi da parte dei professionisti;
Visto lo schema di suddetto Protocollo d’intesa, costituente l’Allegato A all’ordinanza commissariale n. 12 del 2017, recante la definizione dei criteri generali e i requisiti minimi per l’iscrizione nell’Elenco speciale dei professionisti abilitati di cui all’articolo 34, commi 1, 2, 5 e 7 del decreto legge 17 ottobre 2016, e l’istituzione, nell’articolo 4, dell’Osservatorio nazionale della ricostruzione post sisma;
Visto il Protocollo d’intesa, elaborato sulla base dello schema allegato alla sopra menzionata ordinanza commissariale e sottoscritto, in data 21 dicembre 2016, tra il Commissario Straordinario del Governo e la Rete delle professioni dell’area tecnica e scientifica;
Vista la nota dell’11 maggio 2017, prot. nr. 258/2017, con cui la Rete delle professioni dell’area tecnica e scientifica ha indicato come propri rappresentanti in seno all’Osservatorio nazionale della ricostruzione post sisma:
a) l’Ingegnere Armando Zambrano; l’Architetto Walter Baricchi; il Geometra Ezio Piantedosi e il Dottore geologo Francesco Peduto, in qualità di componenti effettivi;
b) il Per. Ind. Giampiero Giovannetti, il Dott. Agr. Rosanna Zari, il Per. Agr. Lorenzo Benanti ed il Dott. Chim. Nausicaa Orlandi, in qualità di componenti supplenti;
Vista l’ordinanza commissariale n. 29 del 9 giugno 2017, n. 29, che, nel modificare l’ordinanza n. 12 del 9 gennaio 2017, all’articolo 8 prevede che: “1. L’Osservatorio nazionale per la ricostruzione post sisma 2016, previsto dall’art. 4 del protocollo d’intesa approvato con l’ordinanza n. 12 del 9 gennaio 2016 e s.m.i. è composto da tre rappresentanti della struttura del Commissario straordinario, di cui uno con funzioni di presidente, e da quattro rappresentanti della Rete delle professioni dell’area tecnica e scientifica. 2. L’Osservatorio vigila sull’attività svolta dai professionisti nell’ambito dell’attività di ricostruzione nei territori colpiti dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016 e propone al Commissario le sanzioni da applicare nel caso in cui il professionista presenti un numero di schede AeDES incongrue superiori a tre, ai sensi dell’art. 2 comma 5 dell’ordinanza n. 10 del 19 dicembre 2016, e successive modifiche ed integrazioni, secondo modalità e procedure che saranno successivamente concordate tra il Commissario straordinario, la Rete delle professioni dell’area tecnica e scientifica ed il Consiglio nazionale degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati riunito nel Comitato unitario permanente degli ordini e collegi professionali. 3. I componenti effettivi e supplenti dell’Osservatorio nazionale per la ricostruzione post sisma 2016 sono nominati con provvedimento del Commissario straordinario. Salvi i casi di revoca o di dimissioni, i componenti dell’Osservatorio durano in carica fino al 31 dicembre 2018 in coerenza con la scadenza della gestione commissariale individuata dall’art. 1, comma 4, del decreto-legge n. 189 del 2016. 4. Per la partecipazione all’Osservatorio nazionale per la ricostruzione post sisma 2016 non è prevista la corresponsione di gettoni di presenza, compensi o altri emolumenti comunque denominati, né il rimborso delle eventuali spese sostenute”;
Rilevato che nella riunione della cabina di coordinamento del 22 giugno veniva approvata la proposta del Commissario di designare quali rappresentanti della Struttura del Commissario: il Consigliere di Stato Raffale Greco, Consigliere Giuridico del Commissario Straordinario del governo in qualità di presidente dell’Osservatorio, l’Architetto Alfiero Moretti dell’Ufficio speciale per la ricostruzione della Regione Umbria e la Dottoressa Daniela Del Bello dell’Ufficio speciale per la ricostruzione della Regione Marche,
Dispone

Articolo 1
Composizione dell’Osservatorio Nazionale della ricostruzione post – sisma
1. Fatte salve le ipotesi di revoca o di dimissioni, a decorrere dalla data di pubblicazione del presente provvedimento sul sito istituzionale del Commissario straordinario del governo e fino alla data del 31 dicembre 2018, sono nominati componenti dell’Osservatorio nazionale della ricostruzione post- sisma:
– il Cons. Raffaele Greco, Consigliere Giuridico del Commissario Straordinario del Governo, con funzioni di Presidente dell’Osservatorio;
– l’Arch. Alfiero Moretti, Direttore dell’Ufficio speciale per la ricostruzione della Regione Umbria – componente effettivo e Vicepresidente dell’Osservatorio;
– la Dott.ssa Daniela Del Bello, Dirigente dell’Ufficio speciale per la ricostruzione della Regione Marche – componente effettivo;
– l’Ing. Armando Zambrano – componente effettivo;
– l’Arch. Walter Baricchi – componente effettivo;
– il Geom. Ezio Piantedosi – componente effettivo;
– il Dott. geol. Francesco Peduto – componente effettivo;
– il Per. Ind. Giampiero Giovannetti – componente supplente;
– il Dott. Agr. Rosanna Zari – componente supplente;
– il Per. Agr. Lorenzo Benanti – componente supplente;
– il Dott. Chim. Nausicaa Orlandi – componente supplente;
2. In caso di assenza o di impedimento del Presidente, le relative funzioni sono assunte dal Vicepresidente dell’Osservatorio.
3. L’Osservatorio si riunisce periodicamente su convocazione del Presidente. Con propria deliberazione, l’Osservatorio determina le modalità di funzionamento e la propria organizzazione interna.
4. Per la partecipazione all’Osservatorio non è prevista la corresponsione di gettoni di presenza, compensi o altri emolumenti comunque denominati, né il rimborso delle eventuali spese sostenute.

Articolo 2
Entrata in vigore ed efficacia
1. Il presente provvedimento è efficace dalla data della sua pubblicazione sul sito istituzionale (www.sisma2016.gov.it) del Commissario straordinario del Governo ai fini della ricostruzione nei territori dei Comuni delle Regioni di Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria interessati dall’evento sismico del 24 agosto 2016.

Vasco Errani
Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del D.Lgs n. 82/2005, modificato ed integrato dal D.Lgs. n. 235/2010 e dal D.P.R. n. 445/2000 e norme collegate, il quale sostituisce il documento cartaceo e la firma autografa.